STOP alla Sicurezza con il Sorriso

Scritto da AngelMir il 4/02/2014, 11:02.

Angeli alle fermate: La sicurezza con il sorriso

Gli Angeli alle fermate sono nati il 14 febbraio 2007 all’interno del progetto di Animazione Civica del Teatro dei Mignoli e grazie all’apertura delle attività degli Assistenti Civici alle associazioni che proponevano progetti diversi come il nostro .
L’allora assessore Libero Mancuso diede via al volo degli Angeli alle fermate e al concetto di presidio fatto con il sorriso e l’animazione teatrale.
La composizione degli Angeli alle fermate è formata per il 60 % da ragazzi e studenti fuori sede per il 40% da cittadini , di cui il 70% donne.
Dopo aver raggiunto gli apici di visibilità esportando il progetto anche in altre città come a Genova ed essere stati invitati alla conferenza di Parigi come proposta alternativa al presidio sui mezzi pubblici e alle fermate, nel giugno 2012, con la chiusura degli assistenti civici, viene di fatto fermata l’attività
Con i referenti della cittadinanza attiva gli angeli non riescono a riprendere il volo alle fermate ,riescono a continuare parte delle loro attività di animazione civica con il progetto “La Cultura in condominio” un festival creato e pensato dall’autore dei progetti Mirco Alboresi per ricreare la socialità all’interno dei condomini che continuerà anche quest’anno.
Dopo un tentativo con Tper fallito ad inizio 2013 di alcuni mesi in cui si è capito sia l’importanza dell’istituzionalizzazione del progetto , sia di avere quel minimo di fondi per sostenere formazione e spese vive, partecipiamo alla Manifestazione di Interesse per il nuovo bando per gli assistenti civici.
Il 24 gennaio scorso ci arriva la comunicazione che la nostra manifestazione di interesse ha avuto esito positivo ma in seguito ad un colloquio con il commissario capo abbiamo dovuto mandare ieri la nostra lettera di disdetta e rinunciare di fatto alle attività e al contributo previsto dal bando.
Motivi principali : non possiamo indossare le ali, non si sa se faremo l’attività alle fermate, impossibilità di formare nuovi Animatori autonomamente,noi facevamo 2 corsi all’anno ed in 6 anni abbiamo formato 90 volontari, insomma non c’è nulla di quello che può dare un senso ed un futuro in questo servizio agli Angeli alle fermate..
Avevamo capito che le modalità erano diverse ma credevamo che la città CREATIVA di Bologna che ci aveva dato la possibilità di nascere e di fare una proposta alternativa sulla sicurezza ben lontana da quella di ronde e controllori in divisa  di notte , che non crediamo facciano percepire la città come più sicura, anzi, ma questo è il nostro parere forse è rimasto solo il nostro e quindi è giusto fermarsi qui.
Noi crediamo che si possa agire contro la percezione di insicurezza ed è quello che il nostro progetto ha cercato di fare in tutti questi anni per una società più solidale, più curiosa, attenta e disponibile all’aiuto e all’ascolto.
Cercando di contrastare le chiusure , le paure con il sorriso ed il dialogo.
abbiamo accompagnato a casa persone, chiamato ambulanze, diviso risse, ascoltato persone che avevano bisogno di sfogarsi, creato relazioni tra mondi diversi.
Non piacevamo sicuramente a tutti ma questo fa’ parte del gioco.
Noi ci siamo messi in gioco mettendoci un gradino più in basso di tutti, perché mettersi le ali è un operazione molto particolare che è servita anche ai tanti ragazzi , molti fuori sede, che hanno partecipato alle attività per capire l’ascolto…parola ormai desueta da questa società.
Insomma che dire
Buona fortuna ai nuovi Assistenti Civici e a chi li coordina
un saluto ed un abbraccio a chi piaceva questa attività, a chi ci ha incontrato, a chi ci ha donato un sorriso , a chi abbiamo accompagnato e a chi ci ha donato la sua storia … buon volo
www.angeliallefermate.it

Angeli alle fermate
Bologna 04/02/2014

 

Scrivi un commento